La Società San Paolo è una Congregazione Religiosa fondata nel 1914 in Italia ad Alba (Cuneo) dal Beato Giacomo Alberione.

  • Redazione

Cobalt, the voice of the Church

by Serges Kalembo



Much of the economy of the Democratic Republic of the Congo revolves around cobalt. The Church has always worked to provide alternatives that take into account human dignity, respect for human rights and the environment. Like? By organizing conferences, training courses and conferences. In its evangelical mission, the Church has always supported the good management and fair sharing of natural resources. This is because Congo cobalt has become a source of illicit and personal enrichment for a small group of individuals. Society as a whole pays the greatest costs, dealing with armed conflict and poverty. The spokesman for the National Bishops' Conference of the Congo, Father Donatien Nshole, during a plenary assembly of the bishops gathered in Kinshasa, stressed that the illegal exploitation of cobalt calls into question both the left and the right. The Church undertakes to sensitize the Congolese people to open themselves to a new mentality that can be aimed at the common good. Despite all the initiatives taken by the local church, the government and the international community seem not to do enough to stop exploitation and degradation in the Democratic Republic of the Congo.


_________________________________________________________________________


Cobalto, la voce della Chiesa

di Serges Kalembo


Intorno al cobalto ruota gran parte dell’economia della Repubblica Democratica del Congo. La Chiesa si è sempre adoperata per fornire delle alternative che tengano conto della dignità umana, del rispetto dei diritti umani e dell’ambiente. Come? Organizzando conferenze, corsi di formazione e convegni. Nella sua missione evangelica la Chiesa ha sempre sostenuto la buona gestione e l’equa condivisione delle risorse naturali. Questo perché il cobalto del Congo è diventato una fonte di arricchimento illecito e personale per un gruppo ristretto di individui. A pagarne le spese maggiori è la società nel suo insieme, alle prese con conflitti armati e povertà. Ilportavoce della Conferenza episcopale nazionale del Congo, padre Donatien Nshole, durante un'assemblea plenaria dei vescovi riuniti a Kinshasa, ha sottolineato che lo sfruttamento illegale di cobalto chiama in causa sia la sinistra che la destra. La Chiesa si impegna a sensibilizzare il popolo congolese ad aprirsi a una nuova mentalità che possa essere finalizzata al Bene comune. Nonostante tutte le iniziative prese dalla chiesa locale, governo e comunità internazionale sembrano non fare abbastanza per arrestare lo sfruttamento e il degrado nella Repubblica Democratica del Congo.

10 visualizzazioni