La Società San Paolo è una Congregazione Religiosa fondata nel 1914 in Italia ad Alba (Cuneo) dal Beato Giacomo Alberione.

-PAOLINI

LA SOCIETÀ SAN PAOLO

Storia

1/2
SSP
FSP
PDDM
SJBP
SAP
IGS
ISGA
IMSA
ACP
Famiglia Paolina
SSP
FSP
PDDM
SJBP
SAP
IGS
ISGA
IMSA
ACP
Famiglia Paolina

La Società San Paolo (SSP) è la prima delle dieci congregazioni che formano la Famiglia Paolina, fondata da Don Giacomo Alberione ad Alba, in Italia. Il sacerdote intuì fin da subito il ruolo che i moderni mezzi di comunicazione avrebbero giocato nella diffusione del Vangelo e nel contrastare il male nel mondo. Il primo passo nel settore della stampa, propostogli il 12 settembre 1913 da Monsignor Francesco Re, è stato quello di acquistare il settimanale diocesano Gazzetta d’Alba, Il giornale è tutt’oggi diretto dai successori di don Alberione. La Società San Paolo è stata fondata il 20 agosto 1914, festa di San Bernardo di Chiaravalle. Nata inizialmente con il nome "Scuola Tipografica Piccolo Operaio", presto il fondatore si orientò verso una congregazione religiosa, chiamandola “Pia Società San Paolo”. 

 

Il Seminarista Alberione, nella notte di luce.  

I giovani che volevano evangelizzare il mondo con la stampa non avevano una vita facile. Dentro la comunità la vita era «dura ed esigente: il lavoro abbondante e pesante, i pasti piuttosto scarsi, le giornate fredde. La scuola veniva fatta in cucina o nelle camere, in cammino verso la topografia e in ore insolite della mattinata o della sera». Fuori invece i novizi dovevano fare i conti con «i numerosi ostacoli esterni, le incomprensioni e persino le calunnie». Nonostante questi inconvenienti «tutti si sentivano fortemente uniti e amati dal Padre comune». La prima casa filiale venne fondata a Roma nel 1926. A questa seguirono quelle in Brasile, Argentina, Stati Uniti, Francia, Polonia, Spagna, Cina, Giappone, India, Filippine. Dal 1939 all’apostolato con libri e riviste si aggiunse quello del cinema, con la fondazione della “Romana Editrice Film”, madre della odierna “San Paolo Film”.

Don Alberione con il primo gruppo di ragazzi (1916) 

Il 10 maggio 1941 la congregazione fu approvata dalla Santa sede. Fu Papa Pio XII a elevarla a Congregazione di diritto pontificio. Quattro anni dopo la seconda espansione missionaria, che portò alla diffusione del carisma paolino in Portogallo, Canada, Irlanda, Messico, Svizzera, Cile, Colombia, Inghilterra, Venezuela, Australia, Cuba, Germania, Congo, Corea. A seguito della conferma come Superiore Generale, nel 1962 don Albarione fu invitato da papa Giovanni XXIII a partecipare al Concilio Vaticano II. A succedere al fondatore come Superiore generale, che terrà per sé una carica emerita, fu Don Luigi Damaso Zanoni. Ormai la Famiglia Paolina aveva raggiunto la piena diffusione in tutto il mondo. 

Don Alerione, direttore della "Gazzetta D'Alba". (Serie di Otello Serapelli)

Il 28 giugno 1969 Paolo VI conferì al fondatore la medaglia «Pro Ecclesia et Pontifice». La missione di don Alberione era ormai giunta al termine. Il Signore lo chiamerà a sé il 26 novembre 1971, all’età di 87 anni. Il 27 aprile 2003, durante la Domenica della Divina misericordia Giovanni Paolo II proclama don Giacomo Alberione beato. Nell’omelia il Santo Padre incoraggiò così i suoi eredi: «Possano i suoi figli e le sue figlie spirituali mantenere inalterato lo spirito delle origini, per corrispondere in modo adeguato alle esigenze dell’evangelizzazione nel mondo di oggi».

Don Alberione, nella sede della "San Paolo Film"

Il Papa Beato Paolo VI, concede la la condecorazione«Pro Ecclesia et Pontifice» a la Famiglia Paolina. (Cita del Vaticano 28/06/1969)